Il Vecchio Mondo -Warhammer Fantasy e 40K-

Il Forum dedicato al mondo di Warhammer Fantasy e Warhammer 40K.
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Ultimi argomenti
» Vecchio giocatore
Gio Mar 08, 2018 3:30 pm Da Fres

» [VENDO/SCAMBIO] Tavolo modulare e richiudibile fantasy e 40K
Ven Mar 02, 2018 9:56 am Da volrath84

» Vecchio ma nuovo anche io
Ven Mar 02, 2018 9:43 am Da volrath84

» [Vendo] Lotto Dark Angels
Mer Feb 28, 2018 5:56 pm Da Curelin

» [vendo] Esercito ORKS 40k
Mer Feb 28, 2018 3:49 pm Da Orcry

» vendo tk
Ven Dic 08, 2017 9:10 am Da redghar

» cerco nani
Sab Dic 02, 2017 7:01 pm Da redghar

» Movimento in volo 8 edizione
Gio Nov 30, 2017 2:17 pm Da moongoblin

» Alleanze e Venti della Magia - 8 edizione
Mer Nov 29, 2017 10:17 pm Da moongoblin

» Ciao
Mar Nov 07, 2017 2:41 pm Da Nkt

Facebook
I postatori più attivi della settimana
Pubblicità
Parole chiave
rivincita regole eldar tiranidi waylander ogri Conti Cristian vampiro caos guida punti codex fantasy warhammer degli sepolcri mulino strategia edizione elfi demoni nani alti strategie liste

Condividi | 
 

 I Misteri di Vendras

Andare in basso 
AutoreMessaggio
il_figlio_di_dorn
Goblin delle Tenebre
Goblin delle Tenebre
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 104
Età : 19
Località : Milano, sottoreame portuale di Comorragh
Data d'iscrizione : 29.11.13

MessaggioTitolo: I Misteri di Vendras   Mar Ago 18, 2015 11:44 am

PARTE PRIMA


Cieli sopra la giungla del pianeta Vendras, ore 15:54 del giorno 125 dell'anno 789 del 41° millennio. 

Il ronzio dei motori a reazione del piccolo velivolo Arvus riempiva la cabina.
Sette uomini, oltre al pilota, si trovavano a bordo: cinque fanti veterani del 15° reggimento aviotrasportato del pianeta Vendras, un silenzioso e tetro tecnoprete e un giovane Inquisitore dell'Ordo Xeno.
La fievole luce rossa che illuminava l'abitacolo gettava grevi ombre sull'equipaggio, rendendo visibili solo piccoli dettagli: una spilla con il simbolo dell'acquila bicefala appuntata sulla camicia dell'Inquisitore, un tubo che spuntava serpeggiando dal oscuritá sotto il cappuccio del tecnoprete come animato di vita propria, la canna di uno dei fucili a pompa appesi sopra la testa dei soldati.
Nessuno osava parlare, nemmeno l'irrequieto Inquisitore Garaval, un ragazzo di non più di ventitré anni, che era giá arrivato alla settima sigaretta dalla partenza della piccola squadra dalla base operativa, non più di un'oretta prima.
Il sergente veterano Tompson guardò le spire del fumo levarsi in alto, rifrangendo la luce e creando strani disegni. 
Avrebbe voluto chiedere una sigaretta, ma non aveva la presenza di spirito per abbattere quella parete di ghiaccio che si era formata tra i membri dell'equipaggio.
"La tensione si potrebbe tagliare con il coltello" pensò "basta vedere il povero Enderson, che continua a sfregarsi le mani freneticamente".
Il fante seduto proprio davanti a Tompson, Randal Enderson, il più giovane membro della squadra, era visibilmente provato da quella situazione: continuava a muovere nervosamente il piede, e a sfregarsi le mani.
"Se continua così dovremo chiedere al tecnoprete di mettergli delle protesi al posto delle mani!" pensò Tompson, facendosi scappare un risolino.
Tutte le teste dei presenti, tranne quella incappucciata del tecnoprete, che era rimasto perfettamente immobile per tutto il viaggio, si girarono verso di lui. 
"Scemo di un Jonas..." pensò.
<> lo redarguì con spocchia l'Inquisitore. <> <>.
Le dimensioni dell'ego di quel ragazzo erano incredibili.
A Tompson sarebbe piaciuto pensare che in futuro quello stupido avrebbe abbassato la cresta, ma sapeva fin troppo bene, avendo già lavorato in passato con altri Inquisitori, che sarebbe solo peggiorato: se poteva esistere qualcosa che poteva eguagliare la fede di quegli uomini nell'Imperatore, era il loro sovrasviluppato ego.
<> <> concluse l'Inquisitore, mentre spegneva il mozzicone di sigaretta sotto lo stivale rinforzato.
<> sibilò la metallica voce del Tecnoprete <>.
<> l'Inquisitore si affrettó a rispondere, e raccolse da terra il mozzicone utilizzando un immacolato fazzoletto di fine e pregiato tessuto.
"Ben ti sta, tronfio smargiasso che non sei altro" pensò gioviale Tompson, poi si alzò e si avvicinò alla cabina di pilotaggio.
<> chiese al pilota.
<> rispose l'aviere, che come promesso spinse in avanti la cloche e fece abbassare pian piano il piccolo velivolo.



Punto imprecisato nella giungla di Vendras, ore 15:54 del giorno 125 dell'anno 789 del 41° millennio 

Correre. L'unica cosa che doveva fare. Correre e sopravvivere.
Adrian Steele non poteva lasciare quell'artefatto in mano ai nemici, piuttosto se lo sarebbe portato nella tomba.
Doveva correre più veloce, i nemici gli erano alle calcagna. Non poteva essere catturato.
Più veloce. Più veloce.
Le foglie delle piante lo frustavano con forza, lasciandogli piccoli tagli e grossi segni rossi sulla pelle, espsosta alle intemperie. La maglietta la aveva persa da tempo, negli scontri di poco prima.
"Corri più veloce Adrian" pensò l'uomo "più veloc...".
Il terreno si aprì sotto i piedi del fuggitivo, inghiottendolo nel buio più profondo.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
I Misteri di Vendras
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Vecchio Mondo -Warhammer Fantasy e 40K- :: WARHAMMER 40.000 :: La biblioteca nera-
Vai verso: